Recupero dell'occhio magico

Come già detto, l'impiego di questo tipo di valvola è come indicatore ottico di sintonia. Nel passato si preferiva utilizzare questo tubo piuttosto che uno strumentino amperometrico in quanto sicuramente più economico. Oggi pertanto ci ritroviamo alle prese con apparecchi radio che ne montano , ma che ci mettono in difficoltà qualora si debbano sostituire. Specialmente i primi modelli di tubo ad iride  non sono più di facile reperibilità  e qualora si sia fortunati a reperirli il loro costo non è certo ridicolo.

Ecco che allora (se ne siamo costretti) possiamo recuperare il "vecchio occhio" dai fosfori consumati e dai colori sbiaditi interponendo un appropriato circuito (duplicatore di tensione) da collegarsi  al piedino dello schermo fluorescente dello valvola usata . Ovvio è che i tubi con gli elettrodi interrotti od in corto circuito debbono essere per forza sostituiti.

Al sito tedesco http://www.jogis-roehrenbude.de/ che ci rimanda a quello del sig. Paul http://www.pauls-roehren.de/ possiamo trovare il circuito seguente, utile per "rigenerare" gli occhi magici del tipo europeo EM34  o americano 6E5 :

Ovviamente non si può rigenerare un tubo fluorescente nel senso vero del termine, in quanto non è possibile rimpiazzare i fosfori esauriti, ma questo circuito detto "cascata" alza la tensione applicata al pin 5 del tubo EM34 o al pin 4 del 6E5, dai soliti +250 V a circa  +620 V; proprio per questo motivo occorre racchiudere il tutto in un materiale isolante che può essere una guaina termorestringente o del semplice nastro isolante. I condensatori che compongono la cascata devono essere con tensione di lavoro uguale o superiore a 1000 V del tipo usati nei circuiti dei televisori. La tensione di ingresso di 220 V AC sarà presa sul secondario del trasformatore di alimentazione. Se il nostro apparecchio prevede un trasformatore di alimentazione con secondario 350+350 VAC per valvole raddrizzatrici del tipo 80 o 5Y3 , allora potremo utilizzare il circuito seguente suggerito anche al sito http://antiqueradios.com :

 

In questo caso la tensione di uscita sarà  circa 1,4 volte maggiore di quella in ingresso, quindi circa +490 V (il condensatore è da 450 VAC o 600 VDC).

Quindi avremo:

oppure:

prima di inserire il circuito l'occhio magico potrà apparire come in foto:

dopo averlo inserito invece potrà apparire  nel modo seguente:

come dice lo stesso autore Paul, se successivamente si avrà intenzione di vendere l'apparecchio radio, non sarà difficile riportare il tutto alla condizione iniziale, ovviamente si sostituirà il tubo con uno nuovo. Se invece lo vorremmo vendere con la modifica apportata, dovremo avere la cura di informare l'acquirente altrimenti è come se lo si frodasse (senza considerare che se sostituisse la vecchia valvola con una nuova, quest'ultima si esaurirebbe in breve tempo.

 

 

powered by Elettro-Scienza - 2011 -